Abbazia della Novalesa - Piemonte
Ultime Notizie
Come arrivare
Monastica
Storia
Arte
Ospitalitą
Orari
Visite
Restauro-libro
Bibliografia
Oblati
Volontari
Biblioteca
Il negozio
Links
Homepage

La storia - Sommario

Una lettera per l'anima



Sopporta di buon grado le correzioni !


Insomma, tra le altre virtù esemplari di quella vita santa, che giustamente tu reputi fiorire negli altri e che anche tu, per benigna concessione della clemenza divina, vivi ormai in modo irreprensibile, bada di praticarne una in special modo, cioè: sopporta di buon grado le correzioni, non vergognarti in qualsiasi occasione d'esser ripreso anche da coloro che sono più giovani di te.
Del resto una tal cosa è talmente familiare e naturale in questo luogo, che colui che rifugge dall'esser corretto non può vivere con noi. Per questo l'uomo, lasciato il mondo, si sottomette al magistero della disciplina della regola: per togliere , con la lima dell'aspra correzione, la ruggine contratta dalle lusinghe del mondo. Dice perciò la Sapienza, ovvero Dio, nel libro dei Proverbi: “Convertitevi, volgendovi alle mie correzioni; ecco, io effonderò il mio spirito su di voi.”.
Non dice <volgetevi alle mie lusinghe>, ma <volgetevi alle mie correzioni>.
Perciò di certuni, che disdegnano d'esser corretti, dice: “La mattina si alzeranno, ma non mi troveranno, per il fatto che hanno sentito eccessiva la disciplina, e non hanno abbracciato il timore del Signore, e si sono sottratti a tutte le mie correzioni.”
Essa, quindi, ci ammonisce dicendo: “Figlio mio, non rigettare la disciplina del Signore e non perderti di coraggio, perché il Signore corregge chi ama come un padre il figlio prediletto”.
Ricorda però, che la correzione non è propria dell'uomo, bensì del Signore e un uomo può comportarsi con severità nei confronti del proprio prossimo solo nell'amore e nel rispetto di Cristo.

 

 

(lettera di san Pier Damiani al monaco Ariprando; 1057-1058)

 

Archivio lettere pubblicate (San Pier Damiani)

Archivio lettere pubblicate (San Bernardo)

Archivio lettere pubblicate (Dom Columba Marmion)